Specializzazione in Antropologia Teologica
Ciclo per la licenza

Presentazione


Ciclo per la Licenza

  1. Il Ciclo per la Licenza in Antropologia Teologica comprende un biennio dedicato allo studio delle materie fondamentali e di corsi monografici opzionali, secondo preferenze, linee di specializzazione e seminari. Esso si conclude con l’esame De Universa e la Dissertazione di Licenza. L’intero piano di studio consiste in un minimo di 120 ECTS.
  2. Per l’iscrizione si richiede “il titolo di Baccalaureato in Teologia o altro titolo equipollente conseguito in una Facoltà teologica” (Statuto, art. 76a) “con una votazione non inferiore alla media di 8/10, 24/30 o equivalente, a seconda della scala di calcolo adottata. Qualora la votazione fosse inferiore, il preside potrà richiedere un esame di ammissione” (Statuto, art. 46a) dinanzi a due docenti.

    I candidati che, pur avendo completato il Ciclo Istituzionale di Teologia in istituzioni ecclesiasticamente riconosciute, non sono in possesso del titolo di Baccalaureato, possono accedere al Biennio di specializzazione a condizione di aver frequentato un congruo programma di studi, di avere una media dei voti non inferiore a 8/10, 24/30 o equivalente, a seconda della scala di calcolo adottata (cf. Statuto, art. 46b), e previo esame di ammissione dinanzi a due docenti. Qualora l’esito fosse negativo, “dovranno frequentare uno o più semestri del primo ciclo, secondo un programma stabilito, e quindi ripetere l’esame” (Statuto, art. 46b)”.

  3. Al termine di dieci anni dalla prima iscrizione come Studente ordinario nel Ciclo di Licenza, scade il diritto di proseguire gli studi.

  4. Si conosca, oltre alla lingua latina, greca e italiana, una fra queste lingue moderne: inglese, francese, spagnolo e tedesco (cf. Statuto, artt. 46d; 76b). Per informazioni più dettagliate in merito si consulti la voce “Studiare – Lingue moderne”.

  5. Lo schema della Dissertazione di Licenza, concordato con il Moderatore, deve essere presentato in Segreteria Generale, entro il giorno precisato nel calendario accademico, il I anno del Biennio. Il progetto deve contenere: il tema della Dissertazione, lo schema e la bibliografia essenziale. Esso non deve essere stato presentato presso altri Centri Accademici.
    Il Moderatore della Dissertazione di Licenza viene scelto dallo Studente tra i Professori del Corpo Docente, mentre l’Esaminatore è designato e nominato dalla Commissione Esecutiva, scelto tra i Professori della Facoltà.
    In casi particolari un Professore di altre Facoltà ecclesiastiche o civili può essere nominato dalla Commissione Esecutiva come Esaminatore.
    I Professori che hanno cessato il loro ufficio (cf. Statuto, art. 41) non possono essere Moderatori. Inoltre, i Professori Emeriti possono portare a termine l’incarico di Moderatore ricevuto prima della loro decadenza. Per i Professori Emeriti, gli incarichi di Moderatore e di Esaminatore sono subordinati all’approvazione del Gran Cancelliere, su proposta del Consiglio di Facoltà (cf. Statuto, art. 41b).
    Allo scadere dei tre anni dalla data di approvazione dello schema della Dissertazione di Licenza si perde il diritto di proseguire la stessa ricerca, salvo il caso che il tema della Dissertazione rimanga libero, cioè non approvato a favore di un altro studente.
    La Dissertazione di Licenza – da un minimo di 60 a un massimo di 120 pagine – firmata dal Moderatore, sarà consegnata in Segreteria Generale in 3 copie cartacee rilegate in cartoncino [stampate solo fronte], più una copia in formato PDF inviata via mail, entro la data stabilita nel Calendario dell’anno accademico. Contestualmente va consegnata la Dichiarazione di originalità del testo e di conformità del PDF con il testo cartaceo, secondo il modello disponibile sul sito della Facoltà.
  6. Per la specializzazione in Antropologia Teologica il colore della rilegatura della Dissertazione deve essere bordeaux, invece per la specializzazione in Teologia Spirituale, blu.
  7. Per la presentazione della Dissertazione di Licenza e altri lavori scritti si tengano presenti le norme generali per la redazione dei lavori scientifici (disponibili sul sito della Facoltà).
  8. Riguardo agli appelli per l’esame De Universa, è possibile iscriversi a soli tre appelli nell’arco dei tre anni successivi la conclusione del corso.
    La Commissione Esaminatrice per l’esame De Universa è costituita da due Professori che insieme procedono all’interrogazione del candidato.
    L’esame De Universa dura un’ora. I primi dieci minuti sono dedicati all’esposizione della Dissertazione di Licenza da parte del candidato seguendo un piano scritto che egli deve consegnare ai Professori all’inizio dell’esame, dopo di che i Professori possono formulare le domande pertinenti (dieci minuti).
    Il piano scritto per la presentazione della Dissertazione di Licenza non deve superare due pagine e integrare i seguenti punti:
    a) nome e cognome dello studente, titolo e sottotitolo della dissertazione;
    b) un riassunto breve della dissertazione (10-15 righe);
    c) il piano dettagliato della presentazione orale. È bene integrare in questo piano le citazioni e i risultati principali del lavoro (formulati in modo sintetico).
    Lo Studente porta con sé tre copie di questo piano (una per la propria presentazione e due per i Professori). Il voto finale terrà conto anche di questo scritto. Nei restanti quaranta minuti dell’esame i Professori procedono ad esaminare il candidato sugli argomenti del Tesario.
    La lingua ufficiale dell’esame De Universa è l’italiano; a giudizio della Commissione Esaminatrice si possono utilizzare altre lingue.
  9. Il biennio si conclude con il conferimento del Diploma di Licenza o Laurea specialistica in Teologia con specializzazione in Antropologia Teologica (cf. Statuto, art. 89c).
    Per il suddetto diploma la nota finale viene computata nel modo seguente:
    • 1/3 per la media conseguita durante il biennio;
    • 1/3 per la Dissertazione scritta;
    • 1/3 per l’esame De Universa.

 

Orario delle lezioni 

Dal lunedì al venerdì 08.30-12.55. Alcune lezioni possono essere svolte in orario pomeridiano (15.30-18.50).