Docente: Prof. ADRIAN ATTARD

 

Giustificazione

Per un’adeguata formazione pastorale si esige «lo studio di una vera e propria disciplina teologica: la teologia pastorale o pratica che è una riflessione scientifica sulla Chiesa nel suo edificarsi quotidiano, con la forza dello Spirito Santo, dentro la storia» (Pastores dabo vobis 57). Essa ha quale oggetto il qui e ora della storia e un metodo chiamato teologico empirico-critico, e si occupa dell’agire ecclesiale determinato dal binomio cristologia-antropologia. Tale agire deve rispondere ad un’esigenza umana ineliminabile: quella di una prassi illuminata dalla teoria e pertanto orientata criticamente da una consapevolezza controllata, verificata, sistematizzata. Infatti, se la dogmatica delinea la struttura ontologica della Chiesa, la teologia pratica traccia la sua fisiologia, ossia il «come agire» della comunità cristiana nella sua missione evangelizzatrice. Le risposte derivano dalla sua interazione con le discipline teologiche e le scienze umane. Essendo, poi, «strettamente ancorata alla storia, la teologia pratica ⦋…⦌ racconta percorsi mutevoli e sempre innovativi, mai racchiudibili in schemi fissi, validi universalmente» (G. Villata).

Obiettivi

1. Far prendere coscienza agli studenti che la teologia pratica avrà una ragion d’essere solo se sarà capace di articolarsi e strutturarsi in relazione all’ambiente reale di vita degli uomini cui si rivolge; 2. Precisare che il depositum fideinon è soltanto verità da investigare con la ragione illuminata dalla fede, ma Parola generatrice di vita e azione.

Contenuti

1. Esigenza di una riflessione critica sull’azione pastorale; 2. Identità e compiti della teologia pratica; 3. Come dire la fede in Gesù in un contesto storico moderno; 4. Ricognizione storica della teologia pratica con particolare attenzione al contributo di alcuni autori nell’area europea e nordamericana; 5. La questione dei soggetti: Chiesa locale, parrocchia, comunità ecclesiali di base, famiglia; 6. La relazione d’aiuto: rapporto e differenza tra consulenza pastorale, direzione spirituale, accompagnamento spirituale e psicoterapia; 7. Progettazione e pastorale giovanile.

Metodologia

Lezioni frontali aperte al dialogo.

Criteri di valutazione

Colloquio orale.

Bibliografia

  • VILLATA G., Teologia pastorale, Bologna 2016; 
  • ID., L’agire della Chiesa. Indicazioni di teologia pastorale, Bologna 2014; 
  • VILLATA G. – CIAMPOLINI T., La parrocchia innovativa. Progettare la pastorale a partire dal territorio, Bologna 2016; 
  • MIDALI M., Teologia pratica, I, Roma 2005.

Inoltre, saranno distribuite in classe, per ogni plesso tematico, le sintesi e la bibliografia mirata.