I “corsi brevi” sono rivolti a tutti coloro che intendono approfondire tematiche fondamentali della teologia spirituale o dell’antropologia teologica alla luce della tradizione e della spiritualità carmelitana. I partecipanti possono scegliere la modalità presenziale o a distanza (tramite livestream).

Elenco dei corsi proposti

Docente

Corso Data

L. J. González, ocd

Mistici: creatività nelle difficoltà

26/10/2021

B. Moriconi, ocd

San Giuseppe, contemplativo nell’azione

30/11/2021

A. Attard, ocd

Maria nel Carmelo: la sororità dell’amore fraterno

21/12/2021

l. Kunnumpurathu Paul, ocd

Profeta Elia: la fonte primordiale e profetica dell’Ordine del Carmelo

18/01/2022

R. F. Dsouza, ocd

Approccio biblico alla Regola carmelitana

22/02/2022

l. Ndimubanzi Hakizimana,

La regola del Carmelo. Una vita alla presenza di Dio e ai fratelli

22/03/2022

E. J. Martínez González, ocd

Avanti con Dio! Teresa cl racconta l’avventura delle sue fondazioni

26/03/2022

F.-M. Léthel, ocd

Santa Teresa di Lisieux dottore della Chiesa e patrona delle missioni

24/05/2022

 

Descrizione dei Corsi brevi

Mistici: creatività nelle difficoltà – Prof. Luis Jorge González, ocd  (26 ottobre 2021)
I mistici cristiani, in concreto Teresa d’Avila, Giovanni della Croce, Teresa di Lisieux, mostrandoci la strada verso l’amicizia con Dio fino all’unione totale con Lui in Cristo, usano tanta psicologia. C’insegnano ad approfittare delle difficoltà non soltanto per seguire Gesù, ma anche il proprio sviluppo psicologico. Ci mostrano, con le proprie esperienze pratiche, come approfittare delle tre componenti fondamentali della personalità: pensiero, sentimento, comportamento in mezzo alle tempeste. C’insegnano ad essere creativi in mezzo alle difficoltà. Creatività per la propria crescita umana e spirituale. Creatività per servire e beneficare gli altri: prossimi e lontani. In concreto, l’obiettivo di questo breve training è la creatività. Incluso in mezzo alle difficoltà, allenati dai mistici.

San Giuseppe, contemplativo nell’azioneProf. Bruno Moriconi, ocd (30 novembre 2021)
A partire dal dato evangelico, non così povero come si pensa, si tratta di riflettere sul ruolo unico affidato da Dio a un pio artigiano che lo accetta, nonostante ciò sconvolga tutti i suoi progetti, e dà tutta la sua disponibilità. Anche la sua vita, come quella di Gesù è totalmente una vita per (una pro esistenza). Quattro brevi temi:  1. Il dato evangelico. | 2. Uomo della paternità responsabile. | 3. Maestro di Contemplazione | 4. Povero e beato

Maria nel Carmelo: la sororità dell’amore fraterno – Prof.  Adrian Attard, ocd  (21/12/2021)
Il profilo di Maria che emerge maggiormente nell’Ordine Carmelitano è quello del suo essere «sorella nostra». Con il passare del tempo, il carmelitano ha sentito di potersi comportare con la Vergine madre con naturalezza, immediatezza e intimità, come nel rapporto tra fratelli e sorelle, della stessa famiglia. Ne è emersa così una nuova sfaccettatura di spiritualità: rapporto di fratelli tra i Carmelitani e di sorella con la Beata Vergine. Per i carmelitani, Maria è sorella a causa dei suoi esempi fedelmente recepiti e accuratamente assimilati, così da sperimentare con lei in noi una stretta affinità e somiglianza di atteggiamenti spirituali. Tale sororità porta in sé un carico di qualità di relazioni tutto al femminile, che apre un senso differente rispetto al generico e comune termine di fraternità. Essa dice non solo relazione fra sorella e fratelli, ma anche a partire da Maria in quanto donna. Costruire un rapporto a partire da questa femminilità, è l’arte di educare in positivo, di far crescere dall’interno, di conquistare il cuore. «Essere sorella» è «essere amica», educando all’accoglienza dell’altro nella sua differenza profonda, come un altro. Vivere Maria quale «sorella nostra» ci aiuta a costruire insieme la fraternitas, in modo da vivere con gli altri nel rispetto, nella giustizia, nella collaborazione, nella solidarietà. Ma l’uscire verso l’altro, prima di essere un’etica, scaturisce fondamentalmente da un atteggiamento «contemplativo». In questo senso, Maria «sorella» forma alla «fraternità mistica», non solo riproducendo nei fedeli la fisionomia del Figlio nella sua pro-esistenza, ma facendo sperimentare anche a loro nella sua persona, le profondità della pericoresi divina.

Profeta Elia: la fonte primordiale e profetica dell’ordine  del Carmelo – Prof. lgnatious Kunnumpurathu Paul, ocd (18/01/2022)
Il corso si colloca nell’ambito dei corsi brevi che orientano l’arricchimento della spiritualità di sacerdoti, religiosi e laici. Detto corso presenta il fondamento biblico del carisma carmelitano, approfondendo le fonti originarie e la dimensione profetica del carisma carmelitano tramite la presentazione della figura del Profeta Elia. La figura profetica di Elia viene messa in rilievo attraverso l’analisi del suo coinvolgimento nella storia salvifica dell’AT. Il processo inizia dall’incontro con il profeta Elia che emerge dalle pagine della Bibbia. In seguito viene ribadita l’incorporazione del carisma di Elia alla formazione della spiritualità carmelitana. Nella fase finale, gli elementi salienti del carisma di Elia vengono trattati in rapporto con il mondo moderno.

Approccio biblico alla Regola carmelitana Prof. Richard Francis Dsouza, ocd (22/02/ 2022)
La Regola carmelitana è la più breve fra le Regole conosciute ed è composta di snelle indicazioni pratiche e numerosi precetti biblici. Ancora oggi è ricca di ispirazione per la via della santità. La Regola afferma che è fondamentale; «vivere nell’ossequio di Gesù Cristo e servire fedelmente a Lui con cuore puro e totale dedicazione» (RC 2) alla luce dell’insegnamento del Signore nei Vangeli. Nella sua forma esterna, la Regola si presenta al lettore con tutti i caratteri di una lettura fondata sulla Parola di Dio. S. Alberto, il Patriarca di Gerusalemme, si è servito abbondantemente del testo biblico nella redazione della Regola da lui scritta dietro richiesta di S. Brocardo, Priore degli Eremiti del Monte Carmelo. Essa è ricca di citazioni o allusioni alla Sacra Scrittura, sono messe maggiormente in rilievo dalla sua stessa brevità, facendo sì che ed il lettore facilmente si accorge che alcuni paragrafi non sono altro che un continuo di citazioni bibliche. Per quanto riguarda l’approccio biblico, esso può venir sintetizzato in tre punti importanti: (1) Il fine dell’Ordine Carmelitano; (2) mezzi per raggiungere questo fine; e (3) i nemici dell’unione fraterna.

La regola del Carmelo. Una vita alla presenza di Dio e ai fratelli – Prof. lnnocent Ndimubanzi Hakizimana, ocd (22/03/2022)
La Regola del Carmelo è un progetto di vita fondato sull’obbedienza a Dio seguendo l’esempio di Cristo (n. 2). È da questo principio che derivano i due aspetti importanti del suo contenuto: la vita alla presenza di Dio e l’amore fraterno. La vita alla presenza di Dio dà l’importanza alla meditazione incessante della Parola di Dio nella solitudine, nel silenzio e nell’ascesi (nn. 8, 14, 15, 18). L’amore fraterno è vissuto concretamente nella partecipazione ad alcuni atti in comune: la preghiera, la celebrazione dell’eucaristia, la mensa e la condivisione del frutto del proprio lavoro (nn. 6, 9-12). La responsabilità e l’aiuto per l’osservanza della Regola compete al Priore (nn. 3-5, 7) e al Capitolo per la correzione fraterna (n. 13). Anche se la Regola non ne parla, essa si ispira a due figure: quella del profeta Elia, simboleggiata dal Monte Carmelo, e quella della Beata Vergine Maria a cui è dedicato l’oratorio al centro delle celle dei fratelli.

Avanti  con Dio! Teresa cl racconta l’avventura delle sue fondazioni – Prof. Emilio José Martínez González,ocd (26/04/2022)
Il corso ha come scopo lo studio del Libro delle Fondazioni di santa Teresa di Gesù, approfondendo nelle sue dimensioni storiche e teologico-spirituali (mistagogia teresiana). Attraverso questo studio, si cercherà di scoprire la visione teresiana del mondo, la sua esperienza di Dio e il suo modo di agire negli eventi umani e la concezione della persona come essere relazionale che collabora con l’opera divina di salvezza, evidenziando gli elementi particolari che santa Teresa rivolge ai Religiosi. Così aiuteremo il lettore a scoprire la tensione positiva fra immanenza e trascendenza che percorre tutte le pagine del libro e l’invito della Santa a apprendere lo spessore del reale nel quale l’agire divino diventa riconoscibile. Per raggiungere il nostro scopo, bisogna rendere al lettore una chiave ermeneutica per la lettura del libro, attraverso la sua contestualizzazione, la presentazione della sua struttura e la lettura accurata di alcuni brani fondamentali, sottomettendoli a un’analisi letterario, storico e, soprattutto, teologico-spirituale.

Santa Teresa di Lisieux dottore della Chiesa e patrona delle missioni – Prof. François-Marie Léthel, ocd (24/05/2022)
Teresa di Lisieux è stata dichiarata Dottore della Chiesa da san Giovanni Paolo II come “esperta della scientia amoris” (Novo Millennio Ineunte, n. 42). È una delle più importanti figure di santità in tutta la storia della Chiesa, con un influsso incalcolabile sul Magistero (da san Pio X a Papa Francesco), su tutto il Popolo di Dio, nella spiritualità come nel pensiero teologico, nel dinamismo dell’evangelizzazione. L’intenzione di questo corso breve è di aiutare gli studenti ad entrare in profondità nei testi santa. La teologia di Teresa è caratterizzata da un fortissimo cristocentrismo. In Cristo Gesù vengono contemplati tutti i Misteri della Fede: Dio Trinità, la Creazione e la Salvezza, l’Incarnazione, la Redenzione, Maria e la Chiesa, l’Escatologia… A partire dalla Storia di un’anima (che contiene, i tre Manoscritti Autobiografici A, B e C e le due preghiere essenziali che sono l’Offerta all’Amore Misericordioso e la Preghiera nel giorno della Professione) vanno interpretati tutti gli altri scritti della Santa (Lettere, Poesie, Preghiere, Operette teatrali).

 

Per iscriversi

Iscrizioni online a partire dal 2 settembre 2021, compilando il form in fondo a questa pagina.
Per la modalità presenziale è possibile iscriversi anche il giorno stesso del corso.
Per la modalità a distanza verrà inviato il link per accedere al corso tramite livestream.

Contributi

15 € per corso breve in sede e a distanza.
100 € per partecipare a tutti i corsi brevi

Formule di pagamento

Modalità presenziale: online sul sito e in Sede (cash e bancomat).
Modalità a distanza: online sul sito.

Per informazioni

counseling@teresianum.net
Tel.: 06.58.54.02.50

Teresianum
Piazza di San Pancrazio, 5/A – 00152 Roma

Come arrivare
Bus ATAC: 44 – 75 – 710 – 870 – 871 – 982

 

Scarica il dépliant 


Form di iscrizione

Nome*

Cognome*

La tua email*

* Campi obbligatori

 L. J. Gonzalez, Mistici: creatività nelle difficoltà (26/10/2021)
 B. Moriconi, San Giuseppe, contemplativo nell'azione (30/11/2021)
 Adrian Attard, Maria nel Carmelo: la sororità dell'amore fraterno (21/12/2021)
 I. Kunnumpurathu Paul, Profeta Elia: la fonte primordiale e profetica dell'Ordine del Carmelo (18/01/2022)
 R. Dsouza, Approccio biblico alla regola carmelitana (22/02/2022)
 I. Ndimubanzi Hakizimana, La regola del Carmelo: una vita alla presenza di Dio e ai fratelli (22/03/2022)
 E. J. Martínez González, Avanti con Dio! Teresa ci racconta l'avventura delle sue fondazioni (26/04/2022)
 F.-M. Léthel, Santa Teresa di Lisieux dottore della Chiesa e patrona delle missioni (24/05/2022)
 Tutti i corsi insieme

Ogni singolo corso = 15,00 €; tutti i corsi insieme = 100,00 €


Desidero fare una donazione (in €):

Il tuo messaggio



Acconsento al trattamento dei dati (Informativa ai sensi dell’a. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679) disponibile QUI

Accetto gli Statuti del Teresianum (disponibile QUI)

Accetto le Norme del Teresianum